lunedì 30 aprile 2018

Recensione "Ollie e i giocattoli dimenticati" di William Joyce

Ollie e i giocattoli dimenticati 
Dall’autore dei Fantastici libri volanti di Mr Morris Lessmore.

Titolo:"Ollie e i giocattoli dimenticati"
Autore: William Joyce
Casa editrice: Rizzoli
Pagine: 312
Prezzo: 18,00
TRAMA
Nel regno segreto dei giocattoli ci sono molti misteri. C’è il Codice dei Giocattoli, che è antico come l’infanzia. C’è anche la magia di diventare il preferito, il più grande onore nel regno dei giocattoli. La mamma di Billy ha cucito Ollie con le sue mani: era un giocattolo speciale. È diventato il miglior amico di Billy, il suo confidente, il suo compagno di giochi, e sì, il suo “preferito”. Ma esistono esseri malvagi nel regno dei giocattoli; Zozo, il re pagliaccio, è il più temuto. Lui e i suoi tirapiedi, i Grinfi, hanno giurato di rubare e imprigionare i giocattoli preferiti, perché dimentichino i loro bambini e nessuno li ritrovi più. Quando Ollie viene rapito, Billy parte per salvare il suo amato pupazzo dal covo sotterraneo di Zozo, nella Fiera Oscura. Mai un viaggio tanto breve è stato così epico.  

RECENSIONE 
Appena nato Billy riceve in dono un giocattolo creato dalla mamma con il musetto da orso e le orecchie da coniglio, un giocattolo speciale fin da subito sia perché creato con amore sia perché possiede la stoffa e un campanellino cucito dentro il petto appartenuti al giocattolo preferito della mamma di Billy.
Il giocattolo si chiama Ollie, nome nato da un suono buffo emesso dal bimbo, e fin da subito lui e Billy diventano inseparabili, scoprono il mondo insieme e vivono avventure nate dalla fantasia.
Una sera Billy pronuncia le parole più importanti per un giocattolo: la mia cosa preferita sei tu, parole bellissime ma anche pericolose perché Zozo, un pagliaccio diventato cattivo, fa rapire tutti i preferiti dal suo esercito di Grinfi creati con avanzi di giocattoli della Fiera Oscura e altri oggetti. I Grinfi sono infallibili perché sono pazienti e determinati e quando riusciranno a rapire Ollie, il suo migliore amico Billy andrà a cercarlo nella più grande avventura che abbia mai vissuto, un'avventura che cambierà sia lui che Ollie.
L'autore ci racconta il mondo attraverso gli occhi di un bambino e del suo giocattolo, le parole che assumono un significato importante e che trasmettono delle belle sensazioni come la parola appartenere o sicuro, le fasi di crescita di un bambino, come vengono viste le regole a 6 anni e alcune nuove situazioni. Il bambino creato dall'autore è un bambino cresciuto in una famiglia piena d'amore a cui è stato trasmesso anche l'amore per i propri giocattoli ma anche, come giusto che sia, regole importanti da rispettare e da non infrangere. Grazie al personaggio di Billy e in generale a questa storia si ricorda l'importanza di trattare bene i giocattoli, di prendersene cura come se avessero un'anima e provassero dei sentimenti. Ollie infatti essendo trattato come un amico e sentendosi importante e amato protegge il proprio bambino, gli è fedele e dà coraggio e positività ai giocattoli rapiti dai Grinfi mentre quest'ultimi proprio perché non hanno mai conosciuto l'amore dato da qualcuno che tenesse a loro si comportano male e sono cattivi. 
Un altro messaggio importante che traspare è "l'unione fa la forza" perché una persona può far partire il cambiamento ma poi ci vogliono tante persone che si uniscano a lui perché il cambiamento sia totale.


Il cattivo scelto è davvero inquietante, mi ha ricordato It sia perché è un clown, un personaggio che fa paura sia ai bambini ma anche a più di un adulto sia per le illustrazioni che lo raffigurano.
Zozo all'inizio non è cattivo, anzi grazie alla cura che ha per lui il suo inventore ma anche all'importanza che li danno tutti essendo la star dell'attrazione al lunapark è un personaggio buono ma nel momento in cui gli umani cominciano a trattarlo male, le persone si dimenticano di lui e degli altri giocattoli e una bambina gli porta via Nina, una ballerina di cui è innamorato, il suo cuore si riempie d'odio e l'unica cosa che vuole è vendicarsi.
Il bene e il male sono ancora più evidenziati dalle pagine chiare per Billy, Ollie e i giocattoli dimenticati e scure per Zozo e i Grinfi. 
Le illustrazioni sono meravigliose e sono capaci di trasmettere delle emozioni come ad esempio la raffigurazione dei giocattoli dimenticati che mi ha fatto tanta tenerezza e tristezza e altre scene che mi hanno stretto il cuore. 
Come le immagini anche alcuni passaggi sono emozionanti, per esempio il momento in cui Billy si accorge di aver perso Ollie è così ben scritto che ho provato in prima persona la sua perdita e la sua angoscia.
E' una storia molto bella sotto tutti i punti di vista ma anche se per i contenuti si rivolge ai bambini infatti su internet risulta essere una storia adatta ai lettori dai 6 ai 9 anni, personalmente per le illustrazioni di Zozo e i Grinfi non la ritengo adatta per questa fascia d'età ma più per i lettori dai 10 anni in su.


L'AUTORE
Foto William Joyce 



William Joyce fa un mucchio di cose, ma gli piace soprattutto scrivere libri per ragazzi. In Italia, con Rizzoli ha pubblicato L’uomo della luna, Nicholas Nord e la battaglia contro il re degli incubi, Il coniglio di Pasqua e l’esercito delle uova e il bestseller internazionale I fantastici libri volanti di Mr Morris Lessmore, un albo illustrato diventato il cortometraggio vincitore del Premio Oscar nel 2011. Ha fondato i MoonBot Studios, una factory creativa di libri, film, applicazioni e giochi innovativi a Shreveport, in Louisiana, dove anche vive con la famiglia. Per scrivergli: @heybiljoyce su Twitter e Instagram oppure visita il sito: MoonbotStudios.com  

 

sabato 28 aprile 2018

28 Tappa Blogtour "Book blogger" di Giulia Ciarapica - Estratto



E' con piacere che oggi ospito una nuova tappa del blogtour dedicato al libro di Giulia Ciarapica.
In questa tappa potrete leggere un estratto legato a uno degli elementi che ci portano a scegliere un libro in libreria.


Titolo: "Book blogger. Scrivere di libri in rete: come, dove, perché"
Autrice: Giulia Ciarapica
Casa editrice: Franco Cesati Editore
Pagine: 132
Prezzo: 12,00
SINOSSI
Chi è il book blogger e cosa fa? Cosa significa oggi fare critica letteraria 2.0?
Il libro di Giulia Ciarapica propone un percorso attraverso i diversi modi di raccontare i libri in Rete: dal blog ai social e YouTube, tutti gli strumenti sono utili per parlare di letteratura e per farlo in modo originale, fresco, ironico e creativo. Dalle classiche recensioni ed interviste a Bookstagram e Anobii, fino ai Book Haul, può cambiare il contenitore ma il contenuto resta primario: dietro ogni blogger c’è sempre un lettore, ma anche e soprattutto uno studioso della materia letteraria, che ogni giorno legge, si informa, confronta testi e cerca di trasmettere la propria passione al pubblico (piccolo o grande che sia) con un linguaggio chiaro e semplice.
Partendo dai ferri del mestiere e dalla scelta dei testi, passando per le fasi della recensione e i relativi stili, senza lesinare consigli pratici e di lettura, Book blogger ci conduce alla scoperta di un mondo articolatissimo e in grande fermento, provando anche a tracciare una mappa per orientarcisi: dai primissimi portali e lit-blog italiani, nati già all’inizio degli anni Duemila, alle ultime tendenze sui social network, per arrivare ai siti contemporanei più attivi e seguiti e al fenomeno degli youtuber.

In libreria: come scegliere un libro da leggere (e recensire?)

Abbiamo tirato fuori dalla libreria alcuni dei titoli che potrebbero esserci utili nel corso del nostro viaggio nella recensione; siamo stati attenti a lasciare spazio sufficiente per accogliere altri volumi: i romanzi, i racconti, i saggi che leggeremo per passione o per lavoro. 
Adesso però bisogna partire. E lo facciamo ponendoci una domanda, prima di riempire compulsivamente quel “vuoto” di nuovi titoli, senza fermarci a riflettere: come si sceglie un libro da recensire? Un quesito, questo, che può lasciare interdetti, almeno sul momento; perché una risposta
unica e univoca non c'è: scegliere un libro da leggere e su cui daremo la nostra opinione ha molto a che vedere con l’istinto e con la sensibilità individuale verso certe tematiche, certi stili, autori, generi.
Prima di entrare nel dettaglio, occorre distinguere due situazioni di partenza: ci sono occasioni in cui si ha libertà di scelta rispetto al libro da recensire, e altre in cui questo ci viene suggerito. Quando si
scrive per un giornale o in collaborazione con un blog o una rivista, confrontarsi in anticipo sulle recensioni che verranno pubblicate è la norma; dunque può capitare di trovarsi in disaccordo, oppure che ci venga affidata la lettura di testi che sentiamo lontani; altre volte, semplicemente,
potremmo avere per le mani un’opera che sta destando scalpore o interesse a livello nazionale, pensiamo a romanzi come Bruciare tutto del Premio Strega 2013 Walter Siti, edito da Rizzoli.
Teniamo presente che ogni blog segue una propria linea editoriale; nel caso di quelli che fanno capo a un unico utente, questa rispecchia necessariamente gusti e formazione personali di chi li gestisce: in qualche misura, dunque, anche la recensione diventa un mezzo per parlare indirettamente di noi, proprio attraverso i libri a cui scegliamo di dare spazio.
Ciò premesso, cercheremo se non di rispondere esaustivamente alla domanda iniziale, quantomeno di prendere in considerazione alcuni elementi che possono guidare il nostro occhio di lettori (e aspiranti
blogger culturali), catturare la nostra attenzione e curiosità, riuscire a “convincerci” che quello che abbiamo appena visto è un libro adatto a noi. Per farlo, potremmo partire dalla libreria, che sia online o offline, fisica: appena varcata la porta e arrivati davanti agli scaffali, che cosa ci colpisce?

La quarta di copertina

Uno dei fattori determinanti (se non il più determinante) nella scelta di un libro da leggere e recensire è la presentazione del contenuto: trama, tematica principale, riflessioni collaterali, uno schizzo dei

personaggi, dello stile. Riassumere il senso profondo di un libro in poche righe è un difficile e delicato esercizio di sintesi, ma fondamentale per il lettore che deve poter completare la propria sensazione “a caldo”; e qui, naturalmente, torniamo alla già citata soggettività: alcuni prediligeranno i testi che indagano l’universo dell’individuo, le sue problematiche emotivo-sentimentali, i drammi psicologici; altri saranno per il fantasy; altri ancora per le storie familiari, le biografie, i romanzi storici e via dicendo.


Un esempio di quarta a mio avviso convincente è quella di Mia madre è un fiume di Donatella Di Pietrantonio (Elliot) – così come lo sono quelle dei successivi lavori della scrittrice, Bella mia (Elliot, finalista Premio Strega 2014) e L’Arminuta (Einaudi, vincitrice del Premio Campiello 2017) –, nella quale emerge con forza il filo conduttore della maternità, il femminile analizzato nelle sue sfaccettature più profonde, il rapporto con la propria identità e con la terra natale.

Ciò che in generale rende una quarta efficace (un difficile esercizio di sintesi per un redattore) sta nel riuscire a consegnare al lettore, in poche righe, le chiavi tematiche ed espressive attraverso cui accedere al testo; nel suo essere “sincera”, sottolineando i punti di forza dell’autore e della narrazione, senza svelare troppo, dunque senza togliere (anche solo in parte) gusto e curiosità per la lettura, elementi fondamentali per andare oltre le prime pagine.

 

Delle quarte ben scritte, insomma, vale la pena fidarsi: un altro esempio, a memoria, è la curiosa presentazione del libro di Elisabetta Bucciarelli La resistenza del maschio (NN Editore), un testo complesso che sprigiona potenza e carisma, qualità che non verranno smentite nel corso della lettura: «Parlano di uomini, sicure di essere alle prese con un nuovo tipo di maschio, quello che resiste, che si nega e non si concede. Al di là della volontà di ciascun personaggio, qualcosa sta per accadere: La resistenza del maschio illumina una nuova forma di lussuria, che qui trova la sua ultima metamorfosi». Un’introduzione alla lettura decisamente curiosa e affascinante, che sembra ribaltare stereotipi e luoghi comuni.
Risultati immagini per Ruggine anna luisa


Lo stesso vale per la sinossi di Ruggine di Anna Luisa Pignatelli (Fazi), che onora le aspettative del lettore, sicuramente stimolato da una premessa impegnativa, di un racconto che si inserisce «nel solco di una narrativa illustre», in cui si focalizza subito il tema principale: l’emarginazione dell’anziana donna protagonista, residente in un piccolo paese della provincia toscana, abitato da una manciata di anime crudeli e ipocrite.

Non perdetevi tutte le altre tappe di questo fantastico #BBMagicalTour 😊





 

venerdì 27 aprile 2018

"Te la sei cercata" - "Come fare foto perfette per diventare star di Instagram" - "Berserkr"

Buon venerdì lettori,
come passerete il weekend in arrivo?
Ho letto che sarà brutto tempo ma spero tanto che si sbaglino😒
Nei prossimi giorni arriverà la mia recensione del libro "Ollie e i giocattoli dimenticati" di William Joyce, una storia che mi ha emozionato e di cui ho ammirato le stupende illustrazioni 😍
Nel frattempo vi va di scoprire alcuni libri usciti o in arrivo?

 
Dall’autrice rivelazione di "Solo per sempre tua", un nuovo romanzo, potente e necessario atto d’accusa contro la violenza sulle donne.
Titolo: "Te la sei cercata"
Autrice: Louise O'Neill
Casa editrice: Il Castoro
Pagine: 368
Prezzo: 16,00
In arrivo: 3 maggio
TRAMA 
La violenza sulle donne, la colpevolizzazione della vittima, la cultura del consenso verso l’abuso sessuale sono questioni dolorose e aperte, sempre più al centro del dibattito internazionale e delle cronache quotidiane. Questo libro rivelazione, premiato e celebrato dalla critica internazionale, le affronta con un’onestà spiazzante, come spiazzante è a volte la stessa realtà.

In una cittadina di provincia dove tutti si conoscono, Emma O’Donovan è diversa. Lei è speciale: diciotto anni, bellissima, popolare, potente. È sempre perfetta e ama essere desiderata. Tutte le ragazze vorrebbero essere sue amiche, e tutti i ragazzi vorrebbero uscire con lei. Fino a quella notte. A quella festa d’estate, Emma era troppo ubriaca per rendersi conto di cosa stava accadendo, troppo ubriaca per dire basta, troppo ubriaca per ricordare. Ma quelle immagini, quelle fotografie che tutti hanno visto online, significano che non potrà mai dimenticare. E dopo la violenza comincia un nuovo incubo: Emma era speciale, ma ora è solo una fonte di imbarazzo. È sulla bocca di tutti, assurdamente additata e accusata. Davvero se l’è cercata? Davvero è sua la colpa? Senza punti di riferimento, Emma comincia a dubitare persino di se stessa.

 
Titolo: "Come fare foto perfette per diventare star di Instagram"
Autrice: Sara Birds
Casa editrice: HarperCollins
Pagine: 159
Prezzo: 15,00
SINOSSI 
Quante volte ti sei ritrovato davanti a un panorama mozzafiato, hai tirato fuori lo smartphone per scattare LA foto del secolo e poi... beh, diciamo che non è venuta proprio come ti aspettavi?
E quante volte hai visto scatti pazzeschi su Instagram, sei morto d’invidia e hai desiderato che anche i tuoi fossero così?
Non ti preoccupare. Collezionare like su like non è più un sogno irraggiungibile. Anzi, d’ora in avanti sarà facilissimo grazie a questo libro.
Sei pronto a diventare anche tu un #iger di successo?
Sara Birds è una fotografa professionista. Il suo profilo Instagram (@sarabirds) ha oltre 70.000 follower.  

Titolo: "Berserkr"
Autore: Alessio Del Debbio
Casa editrice: Dark Zone Edizioni
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 192
Prezzo: 14,90 - ebook: 2,99
TRAMA
Berlino, inizio del terzo millennio. La Guerra Calda è finita, gli Accordi dell’89 sono stati firmati e la città è stata divisa in sette zone, ciascuna assegnata a una delle antiche stirpi. All’interno della ringbahn vivono gli uomini, protetti dalla Divisione, incaricata di mantenere la pace e impedire sconfinamenti e scontri tra le stirpi. Misteriosi omicidi, provocati da sconosciute creature sovrannaturali, iniziano però a verificarsi in tutta la città, rischiando di frantumare il delicato equilibrio raggiunto. La Divisione incarica Ulrik Von Schreiber di indagare, aiutato dal pavido collega Fabian, ben sapendo quanto abbia a cuore il mantenimento della pace. Ma Ulrik non è soltanto un cacciatore, incarna lo Spirito Protettore della Città, l’Orso di Berlino, che non attende altro che liberare la propria furia.
Il romanzo ha vinto il secondo premio al Trofeo Cittadella 2018.


 
 

lunedì 23 aprile 2018

In arrivo "Nectunia" & "Figlie del mare"

Buongiorno lettori,
oggi è la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore e se fate un salto su Instagram potete vedere un libro che vi consiglio di qualche anno fa che mi era piaciuto moltissimo.
Sempre per festeggiare questa giornata speciale vi parlo di due libri che usciranno molto presto.

Titolo: "Nectunia"
Autrice: Daniela Ruggero
Casa editrice: Dark Zone Edizioni
Formato: Cartaceo ed ebook
In arrivo: 10 maggio (in occasione del Salone internazionale del libro di Torino)
TRAMA
In un futuro non molto lontano il mondo così come lo conosciamo non esisterà più. Le malattie saranno debellate; la morte, il dolore e la sofferenza non faranno più parte della vita. Non ci sarà spazio per l’inquinamento che soffoca i mari, l’aria e la terra. Tutto sarà pace, fratellanza e unione. Nessun crimine violento, nessuna disputa.
Nella perfezione di questo nuovo mondo, tuttavia, un gruppo di ribelli denominato «Nectunia» combatte la sua guerra silenziosa, consapevole che tanta eccellenza cela un’amara verità. Quale prezzo paga in segreto l’umanità al Nuovo Ordine? In che modo dieci uomini e una donna, la «Grande Madre», scandiscono vite, pensieri e passioni di milioni di persone? In questa perfezione prestabilita e manovrata, potrà l’amore, quello vero e libero, disfare le trama di potere del Nuovo Ordine e ridare speranza all’umanità intera?

ESTRATTI 
Lei mi appoggia un dito sulle labbra. «Siamo nati liberi», dice. Si alza dal letto e si avvicina alla parete. Posa la mano sul gelido muro e come per incanto un pannello si apre. Spalanco la bocca sorpresa. Siamo immersi sott'acqua. I pesci ci passano accanto come se facessimo parte dell'ecosistema. Ho studiato la fauna degli abissi ma vedere questi draghi marini che grazie alla bioluminescenza sembrano enormi lucciole con grandi bocche e strane appendici lungo il corpo mi sorprende e mi spaventa.
«Benvenuta a Nectunia.»

Sono il Generale di un esercito pronto a sacrificare la vita al mio comando, costituito da elementi addestrati a sopportare ogni cosa, la fame, la sete, il dolore e le privazioni.
Sono il Generale di una campagna contro il più grande inganno costruito dal Governo per rendere schiavo il popolo abbagliato dalla perfezione di ogni cosa.
I ricordi dell'epoca antica sono proiettati nelle scuole, nelle chiese, nelle strade, e nessuno oserebbe sostenere che in questo presente fatto di droni che sostituiscono le stelle, e di macchine che setacciano il DNA selezionando “la specie” non sia meglio degli stupri, pulizie etniche, malattie e catastrofi naturali. Il popolo felice si culla nell'Arca attendendo che dieci uomini e una donna fantoccio decidano della loro vita. 

«Un esordio letterario e storico che spezza il silenzio decennale sulla tragedia delle “comfort women” coreane»
The Bookseller

Titolo: "Figlie del mare"
Autrice: Mary Lynn Bracht
Casa editrice: Longanesi
Pagine: 380
Prezzo: 18,60 - ebook: 9,99
In arrivo: 27 aprile
TRAMA
«Hana sapeva che proteggere la sorella significava tenerla lontana dai soldati giapponesi. La madre gliel’aveva inculcato nella testa: Loro non devono mai vedervi! E soprattutto, non fatevi mai trovare sole con uno di loro! Le parole di avvertimento della madre rivelavano paura e inquietudine, e a sedici anni Hana si ritenne fortunata che non le fosse mai capitato. Ma in una calda giornata estiva tutto cambiò.
Era tardo pomeriggio, molto tempo dopo che le altre tuffatrici se ne erano andate al mercato, quando Hana vide per la prima volta il caporale Morimoto.» 

Corea, 1943. Hana è una pescatrice di perle, una professione che si trasmette da madre a figlia, donne fiere e indipendenti. È cresciuta sotto il dominio giapponese, non conosce altro. Ed è felice quando nasce una sorellina, Emiko, perché con lei potrà condividere le acque del mare che bagnano l’isola di Jeju, la loro casa. Ma i suoi sogni si infrangono il giorno in cui, per salvare Emiko da un destino atroce, viene catturata e deportata in Manciuria. Lì, lontana dalla famiglia e da tutto ciò che conosceva, verrà imprigionata in una casa chiusa gestita dall’esercito giapponese. Ma una figlia del mare non può arrendersi senza lottare, e Hana sa che dovrà fare ricorso a tutte le sue forze per riconquistare la libertà e tornare a casa. Corea del Sud, 2011. Emiko ha trascorso gli ultimi sessant’anni della sua vita cercando di dimenticare il sacrificio di sua sorella, ma non potrà mai trovare la pace continuando a fuggire dal passato. I suoi figli e il suo Paese vivono ormai una vita serena... Ma lei riuscirà a superare le conseguenze della guerra e a perdonare se stessa? 

In questa Giornata speciale vi consiglio di visitare i vari bookshops perché hanno riservato a noi lettori delle promozioni interessanti da cogliere al volo 😉

 


giovedì 19 aprile 2018

"Alcuni libri in arrivo a maggio"

Buongiorno lettori,
questa mattina il sole entra dalla finestra mettendomi così subito di buonumore😍
Vi va di vedere alcuni libri che arriveranno a maggio? Però non prendetevela con me se allungherete le vostre wishlist😅

 
Dalla penna magistrale dell’autrice bestseller di L’estate dei segreti perduti, una nuova suspense psicologica che non lascia scampo: un romanzo unico, diabolicamente congeniato e sorprendente.

Titolo: "L'amica perfetta"
Autrice: E. Lockhart
Casa editrice: DeA
Pagine: 315
Prezzo: 15,90
In arrivo: 8 maggio
TRAMA
È furba, decisa, determinata. Jule West Williams nella vita ha subito tante ingiustizie e sa che cosa significa non avere niente. È per questo che ora nulla la spaventa. Jule non ha paura di scappare, innamorarsi, reinventarsi in mestieri e vite sempre nuovi, ma anche sempre più pericolosi. Ed è proprio tra una vita e l’altra che incontra Imogen. Le due ragazze non hanno praticamente niente in comune. Immie è ricca, di buona famiglia, vive tra New York, Londra e Martha’s Vineyard. Ha tutto ciò che Jule ha sempre desiderato. Eppure tra loro c’è subito intesa. L’intesa diventa amicizia e poi ossessione: improvvisamente a Jule la vicinanza di Imogen non basta più. Lei vuole essere Imogen. In un attimo, il legame tra loro diventa un vortice che gira sempre più veloce. E da cui, una volta risucchiati, è impossibile uscire… vivi.

  

Titolo: "L'eredità di mezzanotte"
Autrice: Irena Brignull
Casa editrice: DeA
Pagine: 304
Prezzo: 14,90
In arrivo: 29 maggio
TRAMA 
La guerra tra i clan delle streghe si è conclusa, la perfida Raven è stata sconfitta e Poppy nominata nuova regina. Ma anziché sedere sul trono, la ragazza abbandona gli amici e in particolare l’amato Leo partendo per lidi lontani… Giunta in Africa, terra della magia, un’anziana sciamana la accoglie e si prende cura di lei aiutandola a coltivare i suoi poteri. Ma quando Poppy decide che è tempo di tornare a casa, la donna la trattiene: vede un’ombra incombere sul futuro di Poppy. Un’ombra nera come la morte. E pur di non lasciar allontanare l'erede al trono, la imprigiona. La prolungata assenza di Poppy però mette a repentaglio il regno intero. I clan si ribellano, le forze del male si risvegliano e Leo, lontano dalla ragazza di cui è innamorato, si sente perduto. Ora che il fantasma di Raven è tornato dal regno dei morti, l’eredità delle streghe è davvero in pericolo. Perché basta una sola parola, un solo segreto, per decretare la fine di tutto… 

  
 Il nuovo romanzo dell’autore di La verità sul
caso Harry Quebert e Il libro dei Baltimore.

Titolo: "La scomparsa di Stephanie Mailer"
Autore: Joel Dicker
Casa editrice: La nave di Teseo
Pagine: 640
Prezzo: 20,00
In arrivo: 10 maggio
TRAMA  
Il 30 luglio 1994 a Orphea, nello stato di New York, sta per inaugurare la prima edizione del locale festival teatrale. Ma la cittadina viene sconvolta da un terribile omicidio: il sindaco della città viene ucciso in casa insieme a sua moglie e suo figlio. Nei pressi viene ritrovato anche il cadavere di una ragazza, Meghan, uscita di casa per fare jogging. Il caso viene risolto, l’omicida incriminato da due poliziotti, Jesse Rosenberg e Derek Scott.
Lunedì 23 giugno 2014. Jesse Rosenberg, a una settimana dalla pensione, viene avvicinato da una giornalista, Stephanie Mailer, la quale gli annuncia che il caso del 1994 non è stato risolto: la persona a suo tempo incriminata è innocente. Ma non ha il tempo per fornire prove. Pochi giorni dopo viene denunciata la sua scomparsa.
Un nuovo romanzo, una detection story mozzafiato, tesa, sorprendente a ogni pagina.

 
 Solo tu puoi salvare tua sorella.
Sei tu la gemella migliore…
Ne sei davvero sicura?
Titolo: "La gemella sconosciuta" 
Autrice: Jane Robins
Casa editrice: Nord
Pagine: 336
Prezzo: 18,60
In arrivo: 31 maggio
TRAMA
Callie e Tilda sono gemelle, eppure non si somigliano affatto. Callie è timida, goffa e impacciata. Tilda è un'attrice di successo, ambiziosa, carismatica. Ed è fidanzata con Felix, bellissimo uomo d’affari. Insieme sono la coppia perfetta, invidiata da tutti. Da quando c'è lui, Tilda si è perfino riavvicinata a Callie e ha ripreso a invitarla a casa sua a guardare vecchi film, come Delitto per delitto, il capolavoro di Alfred Hitchcock in cui due sconosciuti pianificano di risolvere l'uno il problema dell'altro. All'inizio, Callie rimane affascinata da Felix, così gentile e premuroso. Poco dopo il matrimonio, però, si rende conto che Tilda è sempre più magra e passa il tempo rintanata in un appartamento ormai irriconoscibile, dove il suo allegro caos ha lasciato il posto alla precisione maniacale di Felix: tutto è nuovo e così ordinato da far paura. E poi nota i lividi sulle braccia della sorella, scopre gli antidepressivi nell’armadietto del bagno, assiste alle reazioni esagerate di Felix per questioni da nulla. Preoccupata, Callie cerca in Internet forum di sostegno alle vittime di uomini prevaricatori e violenti: le storie di quelle sconosciute le sembrano fin troppo familiari e Callie si convince che la sorella sia in pericolo. Deve proteggerla. Ma come, se Tilda per prima non vuole farsi aiutare? Proprio nel momento in cui ha l’impressione che la situazione stia precipitando, Callie riceve una proposta da una delle donne del forum, una proposta che potrebbe risolvere in un sol colpo i problemi di entrambe. Callie è sconcertata, non può accettare. Poi, però, Felix muore. E Callie capirà di aver commesso un errore imperdonabile…