sabato 31 marzo 2018

Blogtour "Una casa a Parigi" - 5 motivi per leggere il libro


Buongiorno lettori,
in questa sesta tappa vi darò cinque motivi per leggere questo libro😊


Titolo: "Una casa a Parigi"
Autore: S.L. Grey
Casa editrice: Dea Planeta Libri
Pagine: 304
Prezzo: 17,00 - ebook: 8,99
Clicca qui per acquistare Una casa a Parigi
TRAMA 
«Parigi, non sarebbe meraviglioso?».
Parigi è sempre una buona idea, specie quando il matrimonio attraversa acque burrascose e il bisogno di dimenticare un trauma recente accende il desiderio di evadere e di voltare pagina. È così che Mark e Stephanie, affidata la figlioletta ai nonni, partono da Cape Town alla volta della capitale francese, decisi a concedersi una settimana romanticamente perfetta tra pittoreschi bistrot e passeggiate mano nella mano. Ma il “delizioso” nido d’amore promesso dal sito di scambi d’appartamento si rivela molto diverso dalle aspettative; e mentre nulla tra Mark e Steph sembra andare per il verso giusto, a Cape Town non c’è traccia della misteriosa famiglia che avrebbe dovuto installarsi nella villetta dei due. Mano a mano che la vacanza perfetta prende i colori dell’incubo, il sospetto che qualcosa di oscuro possa nascondersi dietro l’intera vicenda si fa strada nella mente di Steph e del lettore. E la chiave di tutto, forse, va cercata nel passato di Mark. Perché non c’è oscurità più terribile di quella che ci portiamo dentro.

CINQUE MOTIVI PER LEGGERE IL LIBRO 

1. Una storia piena di misteri che tengono incollati alle pagine e domande a cui dare una risposta, ad esempio: perché la famiglia parigina non ha mai raggiunto Cape Town? Perché l'inquilina dell'ultimo piano dice che quello non è un posto per chi vive? Cos'è successo alla prima figlia di Mark?

2. Personaggi interessanti dal punto di vista psicologico

3. Un libro per gli amanti delle atmosfere inquietanti: strane apparizioni, ritrovamenti  
preoccupanti, scoperte e vicende da brividi

4. I temi trattati: il ritorno alla quotidianità dopo un trauma, sensi di colpa che ostacolano la vita e che fanno riemergere fantasmi del passato e rapporti di coppia con difficoltà di comunicazione.

5. Per chi cerca un ottimo thriller psicologico che giochi con la mente e che sia in grado 
di catapultare il lettore nella trama tanto da riuscire a fargli provare sulla pelle le 
emozioni dei personaggi.

Se vi ho incuriosito non perdetevi le nostre recensioni il 3 aprile 😉



 


venerdì 23 marzo 2018

Recensione "Il profumo della mimosa" di Claudia Musio

 
Titolo: "Il profumo della mimosa"

Autrice: Claudia Musio

Casa editrice: edizioni La Zattera

Pagine: 235

Prezzo: 18,00
Clicca qui per acquistare Il profumo della mimosa
TRAMA 
Elisa ha undici anni e lavora a Cagliari presso la bottega di una modista, la signora Alba. È una bambina vivace, intelligente, ma prigioniera di una vita che non le permette di realizzare i suoi sogni di un futuro migliore. Quando la modista, resasi conto di provare dellaffetto per lei, cercherà di strapparla alla realtà di povertà della sua famiglia, troverà un muro dincomprensione e ostilità.
Tornata nel suo paese natio, molti anni dopo Elisa comprenderà che il proprio futuro è solo nelle sue mani e combatterà per realizzarsi e trovare finalmente la sua strada. Insieme a lei, in questo percorso ci sarà Giacomo, un padroncino con il sogno di essere libero.
RECENSIONE 
Elisa, 11 anni, lavora a Cagliari alle dipendenze di una modista. Il suo compito è portare i lavori completati della sua padrona nelle case padronali, lavoro che fa con diligenza.
Nel suo cuore spera di poter imparare il mestiere della signora Alba per avere un futuro migliore ed è ciò che vorrebbe anche la sua datrice che ormai vede Elisa come una figlia, peccato che i genitori della piccola non la pensino allo stesso modo perché per la madre se sei una serva rimarrai una serva e il padre non discute le decisioni prese dalla moglie. 
Elisa da ragazzina intelligente, forte e testarda diventerà una splendida donna che dovrà scontrarsi con la famiglia, con il paese natio in cui tornerà dove gli abitanti hanno una mentalità chiusa, con amori e sogni infranti ma nonostante tutti gli ostacoli che troverà sul suo cammino riuscirà sempre a rialzarsi e capirà che il destino dipende da lei, che se vuole essere libera deve affidarsi a se stessa.
Ci troviamo negli anni in cui una donna non ha quasi nessun diritto, lo studio è una cosa da uomini e l'obiettivo massimo di una donna è sposarsi. L'idea di una donna indipendente non è contemplata. 
Le donne che hanno la sfortuna di nascere in una famiglia povera sanno che per il resto della vita dovranno faticare, ubbidire ed essere umiliate o usate a proprio piacere dal padrone. Sono rassegnate e non discutono il proprio destino come la madre di Elisa ma lei invece non è così, non ci sta e anche Antonia, una delle due sorelle, ha un pizzico di quel coraggio e di quel carattere forte.
Elisa si batterà per i diritti delle donne e per la loro emancipazione.
Ho amato il personaggio di Elisa ma anche di Giacomo, il padroncino che si imbatterà in lei, perché è un ragazzo che non si fa mettere i piedi in testa, che vuole decidere il suo futuro ma anche perché è testardo e sono sicura che vi farà battere il cuore come è successo a me.
Ci saranno però anche uomini della peggior specie, vigliacchi o che trattano le donne come oggetti.
Questo libro infiamma gli animi perché sprona a continuare a lottare per i diritti delle donne perché nonostante la strada che è stata fatta c'è ancora tanto per cui combattere ed è anche una storia capace di far provare una moltitudine di emozioni suscitate da personaggi che non dimostrano le proprie emozioni o che non si battono per ciò che desiderano, le maiunagioia che accompagnano la vita di Elisa e gli amori che le segneranno il cuore e l'anima.
L'autrice ci fa scoprire anche antiche usanze, ricorrenze e il dialetto del posto. 
Un libro assolutamente da leggere.
L'AUTRICE 
Claudia Musio, nata a Serrenti in provincia di Cagliari nel 1981, è un ingegnere elettrico con la passione per la scrittura. Preceduto da Streghe(ed. Aipsa) e La sposa di Tutankhamon” (ed. Arkadia), Il profumo della mimosa” è il suo terzo romanzo.

sabato 10 marzo 2018

Spectra Light Effect Nail Lacquer - Catrice Cosmetics

 

Catrice Cosmetics lancia gli Spectra Light Effect Nail Lacquer, cinque nuovi smalti con tonalità brillanti che possono essere applicati da soli o combinati in modo creativo per colori personalizzati.



La combinazione della formula a lunga durata, le colorazioni iridescenti con effetti olografici e duo-chrome ed il finish ultra brillante trasformano i galattici Spectra Light Effect Smalti Unghie in irresistibili must-have! Per un Look Galactic Glam, aggiungete un tocco di LuxChrome Polvere per Unghie e fissate con il LuxChrome 2in1 Smalto Unghie Base & Top Coat.

Io li trovo tutti bellissimi anche se la mia scelta andrebbe su Down the milky way, Iridescent illusion e Holo Enchantment. Se cliccate QUI  potete vedere l'effetto finale sulle unghie 😍
Fatemi sapere se li avete provati.

Fonte: Catrice Cosmetics



 



giovedì 8 marzo 2018

Blogtour "Il profumo della mimosa": la festa della donna


Inizia oggi un nuovo blogtour dedicato al libro "Il profumo della mimosa" scritto dall'autrice Claudia Musio. Seguite tutte le tappe per conoscere meglio questo romanzo e per provare a vincerne una copia autografata😃


Titolo: "Il profumo della mimosa"
Autrice: Claudia Musio
Casa editrice: edizioni La Zattera
Pagine: 235
Prezzo: 18,00
TRAMA

Elisa ha undici anni e lavora a Cagliari presso la bottega di una modista, la signora Alba. È una bambina vivace, intelligente, ma prigioniera di una vita che non le permette di realizzare i suoi sogni di un futuro migliore. Quando la modista, resasi conto di provare dellaffetto per lei, cercherà di strapparla alla realtà di povertà della sua famiglia, troverà un muro dincomprensione e ostilità.
Tornata nel suo paese natio, molti anni dopo Elisa comprenderà che il proprio futuro è solo nelle sue mani e combatterà per realizzarsi e trovare finalmente la sua strada. Insieme a lei, in questo percorso ci sarà Giacomo, un padroncino con il sogno di essere libero.

L'AUTRICE  
Claudia Musio, nata a Serrenti in provincia di Cagliari nel 1981, è un ingegnere elettrico con la passione per la scrittura. Preceduto da Streghe(ed. Aipsa) e La sposa di Tutankhamon” (ed. Arkadia), Il profumo della mimosa” è il suo terzo romanzo.

Nel libro si parla proprio anche dell'8 marzo, la festa della donna.
L'idea nacque nel febbraio del 1909 negli Stati Uniti dal Partito socialista americano e l'anno dopo la proposta venne raccolta da Clara Zetkin a Copenaghen durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste. Fino al 1921 i singoli paesi scelsero giorni diversi per la celebrazione e solo in occasione della Seconda conferenza delle donne comuniste (Mosca, 1921), fu proposta e approvata un'unica data, appunto l'8 marzo, per celebrare la Giornata Internazionale dell'Operaia in ricordo della manifestazione di San Pietroburgo contro lo zarismo che vide scendere in strada donne, madri, operaie, mogli di soldati che chiedevano la fine della guerra e pane per i propri figli (1917). Questa presa di posizione mutò la storia, determinando anche l’inizio della Rivoluzione Russa di febbraio, che portò al crollo dello zarismo.
In Italia la prima Giornata della Donna fu nel 1922 per volontà del Partito Comunista e fu ufficializzata nel 1946 ma solo nel 1977, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite stabilì ufficialmente che l’8 marzo fosse istituita, nel mondo, la giornata dedicata ai diritti della donna.
La scelta della mimosa venne fatta sempre nel 1946 dopo la fine della guerra da Rita Montagnana, moglie di Palmiro Togliatti, Teresa Noce e Teresa Mattei dell’UDI (Unione Donne Italiane) perché cercavano un fiore che fosse di stagione e costasse poco.
Teresa Mattei, la partigiana Chicchi, raccontò che la mimosa era il fiore che i partigiani erano soliti regalare alle staffette, "Mi ricordava la lotta sulle montagne e poteva essere raccolto a mazzi e gratuitamente"
Anche precedentemente durante il Fascismo, nei luoghi di lavoro, soprattutto in fabbrica, le donne avevano cominciato a regalarsi tra loro un rametto di mimosa perché era un segno di sorellanza, di vicinanza, di riconoscimento, del lottare insieme per i diritti delle donne. 
Un rametto di mimosa è composto da tanti pallini, non è mai solo. È un fiore collettivo, composto da tante individualità, tanti pezzetti singoli che, insieme, compongono il fiore.

Ognuna di loro sfiorava quel fiore come fosse qualcosa di prezioso. Per quanto in realtà la festa non cambiasse poi molto la loro vita quotidiana, era il principio su cui si basava a colpire i loro animi e a entusiasmarle. Quel giorno doveva essere una spinta a non arrendersi mai nella lotta per i diritti, soprattutto nel lavoro; un mondo che molti uomini, ma purtroppo anche tante donne credevano che non dovesse interessare al genere femminile. 
"Il profumo della mimosa" 


Completate con i vostri dati il modulo per provare a vincere una copia autografata del libro 😃

a Rafflecopter giveaway

Infine, vi lascio tutte le date del blogtour

1. La festa della donna - Franci lettrice sognatrice (8 Marzo)
2. Alla scoperta della città di Cagliari - Sognando dietro ai libri (9 Marzo)
3. L'estratto più bello - La Fenice Magazine (12 Marzo)
4. Il contesto storico: l'emancipazione femminile - Leggendo romance (13 Marzo)
5. Intervista all'autrice - Scaffali da riscrivere (14 Marzo)

venerdì 2 marzo 2018

"Il concorso di U4. Koridwen"

Cari lettori,
in occasione dell'uscita del primo libro della saga che ha fatto impazzire i lettori d’Oltralpe composta da 4 libri scritti da 4 autori diversi è stato lanciato un concorso con in palio dei premi stupendi😍
Prima scopriamo la trama del libro e poi il concorso.

 Koridwen. U4 vol.1 
Koridwen, Jules, Stéphane e Yannis hanno tra 15 e 18 anni.
Non si conoscono.
Ma sanno di essere l’unica speranza dell’umanità.

Titolo: "U4. Koridwen"
Autore: Yves Grevet
Casa editrice: Garzanti
Pagine: 304
Prezzo: 16,90 - ebook: 9,99
Clicca qui per acquistare U4. Koridwen
TRAMA 
Il mondo è popolato solo da adolescenti che hanno tra 15 e 18 anni: gli unici sopravvissuti al virus U4. Koridwen vive in una fattoria isolata in Bretagna dove, da sola, prova a rimettere in piedi la propria vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano scelto proprio a lei, ma non può non rispondere al misterioso appello che ha ricevuto da Khronos, il game master di Warriors of Time, il videogioco online di cui era appassionata prima della catastrofe: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Spetta a lei salvare il mondo.
Koridwen ha paura, eppure sa che c’è una sola cosa che può darle la forza di affrontare il suo destino: la lettera che la nonna le ha lasciato e che le rivelerà il segreto che si nasconde nel suo nome. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città sono stati presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi, altri tre prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stéphane, convinta che il padre medico non sia morto; e Yannis, assetato di vendetta per la morte della sorellina. Insieme sono l’unica speranza di salvezza per l’umanità. Non c’è tempo per la paura, i dubbi, le incertezze: anche se sono solo quattro ragazzi devono sfoderare il loro coraggio e tutte le loro risorse. Perché nessuno sa cosa li aspetta. Nessuno sa cosa dovranno affrontare. Nessuno sa perché è toccato proprio a loro. L’unica cosa sicura è che il futuro è nelle loro mani.


 Risultati immagini per u4 libro

Ecco come partecipare al concorso
  • Andate sul sito www.u4concorso.it
  • Registratevi
  • (Non è necessario avere il libro) Fate il test che vi permette di accumulare punti e avere più chance di vincere. In palio 5 kit di sopravvivenza scolastica originali di ScuolaZoo che comprendono anche il libro.
  • (E' necessario il libro) Per provare a vincere anche uno dei due super premi a scelta tra 1 cellulare Huawei P10 da 64gb con doppia fotocamera e un'estate allo Student Village di Scuola Zoo in Puglia dovete comprare o (farvi regalare) il libro su IBS.it o Libraccio.it
Il test è davvero simpatico perché devi rispondere pensando che ti trovi in mezzo a un'epidemia mortale e i premi sono super!

A me al test è uscito il personaggio Yannis😉
Le informazioni complete per partecipare e le foto dei premi le trovate sul sito.
Concorso valido fino al 23/03/'18